News

16/02/2016 // Scenari Immobiliari: nel 2016 cresce il mattone italiano, stabili i prezzi

È un futuro roseo quello che vede Scenari Immobiliari per il mercato immobiliare, europeo più che italiano. Nel nostro Paese la crescita sarà minore, in termini di prezzi e fatturato, rispetto alla media europea, ma comunque in miglioramento rispetto agli anni scorsi.

Nel mercato residenziale si assisterà a un aumento graduale delle compravendite, soprattutto nel comparto dell'usato. In crescita anche il volume dei mutui, mentre i prezzi dovrebbero registrare una fase di crescita in alcuni Paesi e stabilità, in altri, in primis Francia e Italia. Gli aumenti più consistenti si registreranno, invece, a Londra e Dublino.

 

Il mercato della casa

Nel nostro Paese l'ostacolo più grande alla ripresa del settore è il peso fiscale, anche se la cancellazione di Imu e Tasi è sicuramente una misura importante. Le banche hanno ripreso ad erogare i mutui, e la ripresa dell'occupazione giovanile (grazie a misure come il jobs act) hanno contribuito a rilanciare il mercato della casa anche in questa fascia di età.

Per quanto riguarda i prezzi, dall'inizio della crisi abbiamo assistito a una caduta del 20% con punte del 25%. Una flessione che ha reso accesibile il mercato a fasce della popolazione prima tagliate fuori. La ripresa del 2015 si è concentrata soprattutto nelle grandi città, ma si amplierà al resto del Paese nel 2016. Le quotazioni in leggera flessione nel 2015 (-0,6%) dovrebbero stabilizzarsi nel 2016, con una tendenza alla riduzione degli sconti in fase di trattativa. Premieranno la qualità e la location.

 

Incremento del mercato italiano

 Il mercato immobiliare italiano continua a crescere: nel 2015 ha infatti chiuso con un fatturato di 11 miliardi di euro che, nel 2016, potrebbero arrivare a 115, con un incremento del 3,6%, anche se i prezzi sono ancora in discesa.  "In Italia la crescita è inferiore alla media europea - ha detto il presidente di Scenari, Mario Breglia - con volumi in aumento, ma prezzi ancora in discesa", anche se un miglioramento atteso per fine anno. La domanda cresce in tutti i segmenti, ma è molto selettiva, mentre l'offerta non è adeguata e questo impedisce la crescita del mercato".

 

Il calo delle tasse può aiutare la ripresa del mercato

 

 

È un procedere a piccoli passi per ridare fiato a un mercato, quello immobiliare, che continua a mostrare il respiro corto. La decisione del Consiglio dei ministri che ha previsto l'imposta di registro, ipotecaria e catastale in misura fissa per gli immobili in asta – se vengono rivenduti nell'arco di 24 mesi – va in questa direzione. Soprattutto punta ad aiutare le banche che si ritrovano oggi in pancia pacchetti consistenti di immobili in sofferenza. «Il provvedimento avrà sicuramente un risvolto positivo – dice Luca Dondi, direttore generale di Nomisma -, ma il problema rimane a monte, in quegli svariati miliardi di euro di immobili in sofferenza incagliati nei portafogli degli istituti di credito e lontani ancora dalla procedura giudiziaria».

 

Il mercato immobiliare da un anno e mezzo sta cercando di imboccare la strada del recupero. Ripresa è una parola ancora forte. Sul fronte degli immobili non residenziali è tornato un forte interesse da parte degli operatori esteri, siano essi fondi di private equity, fondi sovrani o investitori istituzionali. Interesse che rimane vivo nonostante negli ultimi giorni si sia tornati a porre all'Italia la questione del debito pubblico e delle riforme. Sul fronte residenziale, secondo l'Outlook pubblicato ieri da Scenari Immobiliari, le compravendite nel 2015 hanno registrato una ripresa, a quota 445mila (+7,2% rispetto all'anno precedente). Il dato è da ricondurre al miglioramento dello scenario economico (oggi meno condivisibile), ma soprattutto all'effetto combinato del processo di defiscalizzazione, seppure ancora in fase iniziale, e all'incremento dei mutui erogati.

 

Nel 2016 gli esperti del settore real estate sono concordi nel dire che nel comparto abitativo vedremo ancora crescere le transazioni ma le quotazioni viaggeranno ancora in calo, seppur lieve. Scenari Immobiliari individua una discesa media dello 0,6% dei prezzi al metro quadro.

 

Il crollo dei prezzi reali delle abitazioni nella fase recessiva, pari secondo Scenari Immobiliari a un -20% con punte del 25% (escluse le top location) – ma secondo altre voci il calo ha raggiunto e superato in provincia anche un -30-40% - ha reso il mercato accessibile a settori sempre più̀ ampi di popolazione perché i redditi sono rimasti stabili.

Gli acquisti di immobili come investimento da mettere a reddito sono in leggera ripresa da un paio d'anni, un trend che potrebbe continuare e crescere se la volatilità dei mercati azioni e l'esiguità dei ritorni di asset class di investimento dovessero continuare.

 

Archivio news